informazioni@fergidmultimedia.it

Leopoldo ed il suo falco Iside, ovvero un agricoltura ecosostenibile

la passione per la storia e gli eventi locali raccontati attraverso la fotografia e la videocreatività

Leopoldo e Iside

Io e Leopoldo ci conosciamo da tanti anni, tant’è che il nostro profondo rapporto maturato nel tempo è diventato una grande amicizia, valore legato principalmente al condiviso amore per Madre Terra e di tutto ciò che la circonda. Leopoldo ha un profondo rispetto per la natura, per i suoi cicli e ritmi. Con i suoi viaggi nel mondo ha recepito storia e culture diverse, e ne ha fatto tesoro ed esperienza di vita. E così è finalmente riuscito a concretizzare il suo sogno, quello di coltivare la terra nell’assoluto rispetto delle piante e del terreno, realizzando un’agricoltura che non fa assolutamente uso di pesticidi e concimi chimici.

Tanta è stata la nostra curiosità che recentemente siamo andati a trovarlo presso la sua azienda agricola, la Agriaton Agricoltura Sostenibile ai piedi del Parco dei Colli Euganei a Cervarese Santa Croce, rimanendo letteralmente stupiti per la cura e l’amore dell’ambiente che lo circonda, basti pensare al “banale” rapporto con gli animali da cortile quali le semplici galline, essere vivente che io e Debora abbiamo sempre reputato di grande intelligenza.

E qui la sorpresa, la presenza di Iside, uno splendido esemplare di falco al quale Leopoldo si è legato per la vita, dando un ritorno in termini di equilibrio tra uomo, animale ed ambiente. È un concetto che a noi umani “moderni” ci risulta un po’ difficile da concepire, in quanto ci siamo spesso allontanati da Madre Terra delegando al commercio ed alla Grande Distribuzione tutti i nostri fabbisogni, soprattutto quelli alimentari. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, l’alimentazione è diventata industriale, insostenibile per noi e per la terra.

Abbiamo realizzato un piccolo filmato, a piccola e modesta testimonianza del lavoro svolto da parte di Leopoldo e dei suoi collaboratori. A seguire vi riportiamo quanto ci ha scritto Leo sulla sua scelta di diventare falconiere, quindi un profondo omaggio a Iside.

 

Iside e tutto l’iter che abbiamo fatto è nato da necessità Ecosostenibili, e cioè quella di allontanare gli uccelli nocivi per la nostra attività quali i corvi, i gabbiani e tutte le specie di uccelli che si cibano di semi. Solitamente gli uccelli di queste specie definiti “spazzini” prolificano ove vi è generazione da parte dell’uomo di immondizia, creando quindi un disequilibrio ambientale, che altro non è che fonte di inquinamento e di allontanamento delle specie relative ai piccoli passeriformi che stanno scomparendo dalle nostre pianure e campagne, creando il proliferare di specie animali non autoctone. Sostanzialmente prima di fare una scelta noi ci facciamo molte domande e la nostra azione è volta a guardare il problema a 360 gradi, agendo senza presunzione di modificare o sapere esattamente cosa fare, ma semplicemente seguendo gli insegnamenti di Madre Natura stessa. La falconeria, patrimonio dell’umanità, si è evoluta in bird control, tecnica svolta ad esempio negli aeroporti, per consentire partenze ed atterraggi in sicurezza agli aerei, e può essere usata a nostro avviso con ottimi risultati in agricoltura. In sostanza nel nostro piccolo tentiamo di essere un modesto esempio di sostenibilità utilizzando semplici ma efficaci sistemi naturali.

Leopoldo Spessato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: I contenuti presenti sul presente sito web sono protetti dalla copia dei contenuti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: